Una notte in Iran… sul bus per Shiraz

Antonio Amoroso

Antonio Amoroso

Una notte in Iran… sul bus per Shiraz

Sono le 7 e arriviamo alla stazione degli autobus di Teheran, l’autobus per Shiraz è tra circa due ore.
C’è un gran via vai di gente, ci sediamo e siamo gli unici occidentali presenti.  Corriera_IranAlcuni bambini ci guardano e sorridono, sembrano gli unici interessati a noi, per il resto, tranne alcuni poliziotti che parlano davanti ad un chiosco, sono tutti di fretta, indaffarati.
Ci avviamo al bus, saliamo ed è pieno di gente.
Ci sono alcune coppie giovani, contadini, forse agenti di viaggio, ci sorridono tutti, sono gentili e ci offrono addirittura i posti migliori.
Si capisce che sono curiosi, alcuni ci chiedono anche in un inglese stentato da dove veniamo e dove siamo diretti.
Ormai è notte, manca ancora l’autista, non lo vediamo anche se il bus è aperto e sembra pronto a partire.
Improvvisamente compare il conducente, dormiva in fondo al bus, si alza, si mette in ordine e comincia a pettinarsi davanti a tutti che applaudono, la scena è surreale.
Il conducente è un ragazzo che sembra compiaciuto dagli applausi e addirittura incita i passeggeri a continuare.
Noi non capiamo bene ma ridiamo, più che un tragitto in autobus sembra debba gestire qualcosa di più importante, capiremo dopo il perché.90672828_80d76a366c_z
Partiamo e comincia una dei tragitti in bus più strani che possano capitare nella vita, entriamo in un’autostrada a più corsie completamente al buio e con migliaia di camion e macchine.
Siamo illuminati solo dalle stelle e non c’è alcuna regola di guida: sorpassi a destra e sinistra, inversioni di marcia, uscite dal tracciato stradale per lunghi tratti in piena campagna con l’autobus.
Non c’è arroganza o prepotenza ma solo un gran disordine, camion fermi, in movimento, famiglie che dormono in macchina, che mangiano, viaggiano, interruzioni improvvise sulle carreggiate.
Spesso ci inoltriamo ne2842588506_bab708c70c_zi campi con tutto il bus, rientriamo in strada, vediamo le facce dei camionisti a pochi centimetri dai nostri finestrini.
Il nostro autista però guida tranquillo, sicuro e spigliato.
Sorride, è un protagonista di qualcosa di diverso da un trasferimento in autobus.
Abbiamo capito il perché degli applausi all’inizio del viaggio.
La notte vola, è mattina, siamo arrivati.
Sono tutti contenti, l’autista è soddisfatto, noi siamo stanchi ma abbiamo vissuto un’esperienza unica in una notte iraniana che non dimenticheremo mai.

Articolo di Matteo Medoro

Condividi il post

Condividi su print
Condividi su email
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin